Questo sito contribuisce alla audience di

Mèo dei Tolomèi

poeta italiano (Siena sec. XIII). Di illustre famiglia senese, fu personaggio ragguardevole nella sua città, ma perdette ben presto il suo patrimonio a vantaggio del più avveduto fratello Mino. Anche la sua fortuna letteraria declinò: destinatario di sonetti di Dante e di Cino da Pistoia, la sua fama fu presto oscurata da quella di Cecco Angiolieri, al quale furono ascritti i suoi sonetti. Usando magistralmente la tecnica del vituperium, Meo dei Tolomei denuncia la propria miseria e scaglia violente ingiurie contro la madre e il fratello, secondo i modi della poesia realistico-giocosa, distinguendosi per il gusto caricaturale e l'arguta trasformazione dei personaggi in macchiette. Restano di lui 17 sonetti e un caribetto (piccola canzone a ballo).

Media


Non sono presenti media correlati