Questo sito contribuisce alla audience di

Mónte Pòrzio Catóne

comune in provincia di Roma (25 km), 451 m s.m., 9,36 km², 8221 ab. (monteporziani), patrono: sant’ Antonino Martire (2 settembre).

Centro nei Colli Albani. Fortificato in età medievale (Montem Proculi o Mons Portii), fu feudo dei Colonna, del monastero di San Paolo di Roma, degli Annibaldi, del cardinale Altemps e dei Borghese all'inizio del sec. XVII. § Presenta una pianta a ventaglio convergente verso la piazza principale. Del sec. XVII sono il palazzo Borghese e la parrocchiale di San Gregorio Magno, opera classicheggiante di C. Rainaldi con pianta a croce greca e dipinti del Borgognone, di G. Brandi e di C. Ferri. Nei dintorni sono l'area archeologica di Tuscolo, ville patrizie del sec. XVIII e il famoso Osservatorio Astronomico. § L'economia si basa sulla coltivazione di vigneti (a cui è dedicato il Museo del Vino), di oliveti, di ortaggi e frutta pregiata. Sono attive imprese edili e di lavorazione del legno. Notevole il flusso turistico, con settore ricettivo in sviluppo.