Questo sito contribuisce alla audience di

Magni, Luigi

regista teatrale e cinematografico italiano (Roma 1928-2013). Solide esperienze come sceneggiatore e soggettista regalarono al regista un mestiere che si è facilmente tradotto, in scena o sullo schermo, in un linguaggio chiaro e popolare. La maggior parte del suo lavoro venne dedicato a Roma e alla sua storia, colta nei suoi aspetti più drammatici. In teatro lo si ricorda in particolare per il copione del celebre Rugantino (1966) e alcune regie di successo (I sette re di Roma, 1990). Al cinema, dopo l'esordio con Faustina (1968), Magni ottenne grandi riconoscimenti con gli affreschi storici, tra dramma e commedia, di Nell'anno del Signore (1970), La Tosca (1973), In nome del papa re (1977). Tra le altre regie: Secondo Ponzio Pilato (1987), O' Re (1988), In nome del popolo sovrano (1991) e Nemici d'infanzia (1995). Dopo alcuni anni di assenza dal set cinematografico, nel 1999, con La carbonara raccontò ancora una volta l'Italia della prima metà dell'Ottocento, quella del potere temporale dei papi, delle rivoluzioni giacobine, degli aneliti di libertà e democrazia.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti