Questo sito contribuisce alla audience di

Magomàdas

comune in provincia di Oristano (55 km), 263 m s.m., 8,95 km², 596 ab. (magomadesi), patrono: san Giovanni Battista (24 giugno).

Centro della Planargia, situato sull'altopiano basaltico alle falde settentrionali del monte Ferru. Nel Medioevo (sec. XI) fece parte della curatoria della Planargia, nell'ambito del Giudicato di Torres; passato al Giudicato d'Arborea nel sec. XIV, fu conquistato nel 1409 dagli Aragonesi che lo infeudarono ai Villamarina (1464). Nel sec. XVIII passò in feudo ai Palliaccio, che lo tennero fino all'abolizione del regime feudale (1839).§ Nel centro del paese, dal caratteristico aspetto di borgo medievale, si trova la parrocchiale di San Giovanni Battista (sec. XIII, e in seguito rimaneggiata); l'interno, a tre navate, è caratterizzato da un bell'arco in trachite rossa che separa il presbiterio dalla navata centrale. Degna di nota è anche la cinquecentesca chiesa di Santa Croce, che custodisce un grande crocifisso ligneo di fattura spagnola degli inizi del Settecento. Nei dintorni si trova il nuraghe trilobato di Sant'Arbara, con resti di capanne circolari.§ L'economia si basa sull'agricoltura con estesi vigneti (con produzione di malvasia DOC) e oliveti, sull'allevamento di bovini e ovini, cui si affiancano attività artigianali e il turismo di soggiorno estivo, con notevoli strutture ricettive e balneari.

Media


Non sono presenti media correlati