Questo sito contribuisce alla audience di

Malito

comune in provincia di Cosenza (30 km), 728 m s.m., 16,87 km², 896 ab. (malitesi), patrono: sant’ Elia (quarto sabato di maggio).

Centro situato nella valle del fiume Savuto. Fondato da famiglie cosentine sfuggite alle incursioni saracene, fu feudo (1644-47) del granduca di Toscana, da cui si liberò con gli altri casali di Cosenza in seguito alla rivolta di Celico. Condivise in seguito le sorti di Cosenza.La parrocchiale di Sant'Elia, con facciata settecentesca in pietra d'Altilia, conserva un fonte battesimale, un altare e una statua del santo del Seicento.§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, patate, ortaggi, uva per la produzione di savuto DOC), sull'allevamento bovino e sulla produzione di materiali inerti.

Media


Non sono presenti media correlati