Questo sito contribuisce alla audience di

Mamoiada

comune in provincia di Nuoro (18 km), 644 m s.m., 49,03 km², 2580 ab. (mamoiadini), patrono: sant’ Antonio Abate (17 gennaio).

Centro della Barbagia Ollolai, situato alla sinistra dell'alto corso del fiume Cedrino. Sorto in un'area frequentata in epoca preistorica, fece parte dal sec. XI della curatoria della Barbagia Ollolai, nell'ambito del Giudicato d'Arborea. Compreso nel Marchesato di Oristano dal 1410, fu conquistato dagli Aragonesi (1478) e, dal 1604, fu incluso nel Ducato di Mandas, cui appartenne fino all'abolizione dei feudi nel 1839.§ Nel centro del paese sorge la chiesetta della Madonna di Loreto, di origine medievale, ma molto rimaneggiata nel Seicento. Di grande interesse è il Museo delle Maschere Mediterranee che, oltre alle maschere tipiche del Carnevale mamoiadino, raccoglie quelle provenienti da altri Paesi del bacino del Mediterraneo. Nei dintorni sono nuraghi, domus de janas e menhir, e il santuario di San Cosimo (del sec. VII), circondato, come tutti i santuari sardi, da un ampio recinto entro il quale sorgono le cumbessias (o cumbissias), piccoli ricoveri comunitari per i fedeli, usati nei giorni della festa o della precedente novena.§ L'economia è basata su attività artigianali e commerciali, sul settore terziario, sull'industria edile e dei materiali da costruzione, oltre che sull'agricoltura (che produce soprattutto pregiata uva da vino) e sull'allevamento di ovini, caprini e bovini (con produzione casearia tipica).§ Mamoiada è famosa per il Carnevale: una delle più antiche manifestazioni popolari della Sardegna, con la sfilata dei Mamuthones (uomini vestiti con la mastrucca, una giacca di pelle di montone, senza maniche, portata con il pelo verso l'esterno, carichi di campanacci e con maschere di legno scuro, che si muovono con passo lento e cadenzato), il cui ingresso nella piazza del paese interrompe le festose danze a cerchio. Gli Issokadores, invece, che indossano vestiti sgargianti e, alcuni, delle maschere bianche, amano catturare festosamente varie persone tra la folla con i loro lacci.

Media


Non sono presenti media correlati