Questo sito contribuisce alla audience di

Manìace, Giórgio

generale bizantino (m. in Macedonia 1043). Si affermò nel periodo in cui, morto Costantino VIII (1028), divenne arbitro dell'impero sua figlia Zoe. Liberata Edessa dagli Arabi (1032), fu inviato a combatterli in Sicilia e riconquistò all'impero la parte orientale dell'isola, con Messina e Siracusa (1038-40). Di là, operando con grande indipendenza, attaccò i Normanni nell'Italia meridionale e, proclamato imperatore dai soldati (1042), passò a Durazzo e avanzò verso Tessalonica, avendo come obiettivo finale Costantinopoli. Morì in combattimento nel corso dell'impresa.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti