Questo sito contribuisce alla audience di

Manso, Giambattista

letterato italiano (Napoli ca. 1560-1645). Di nobile famiglia, ebbe fama come mecenate e benefattore. Ospitò a Napoli (1592) il Tasso, che gli dedicò per riconoscenza il dialogo Manso o dell'amicizia (1594); e del Tasso fu il primo biografo (Vita di T. Tasso, 1621), accreditando la leggenda degli amori del poeta per Eleonora d'Este. Fu inoltre protettore di G. Marino e amico di J. Milton, che gli indirizzò degli esametri con il titolo di Mansus. Le sue Poesie comiche (1635) hanno dato luogo ad accuse di plagio; legati al culto del Tasso sono i dialoghi I paradossi (1608) ed Erocallia (1618).

Media


Non sono presenti media correlati