Questo sito contribuisce alla audience di

Marcillat, Guillaume de-

pittore di vetrate francese (La Châtre ca. 1470-Arezzo 1529). Giunto a Roma nel 1505, sotto il pontificato di Giulio II, eseguì vetrate per S. Pietro e per S. Maria del Popolo (Storie di Cristo). Passò poi a Cortona, dove dipinse due vetrate per il duomo, e infine ad Arezzo, dove lavorò per il duomo e per varie chiese, tra cui S. Francesco e S. Domenico. Padrone di una tecnica esperta e raffinata, introdusse nell'arte della vetrata, sino ad allora essenzialmente decorativa, ricerche compositive e spaziali proprie della pittura murale. Si cimentò anche nell'affresco (scene della Genesi nelle volte del duomo di Arezzo).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti