Questo sito contribuisce alla audience di

Marechal, Leopoldo

poeta e narratore argentino (Buenos Aires 1898-1970). Come lirico si formò nell'atmosfera dell'avanguardia martinfierrista (Los aguiluchos, 1922, Gli aquilotti; Días como flechas, 1926, Giorni come frecce), al cui linguaggio rimase sostanzialmente fedele anche dopo l'accostamento alla tradizione cattolica e castigliana (Laberinto de amor, 1936; Cinco poemas australes, 1937; Sonatas a Sophia, 1940; El canto de San Martín, 1952; Heptamerón, 1960). Intensi e originali i due romanzi Adán Buenosayres (1948), sorta di autobiografia spirituale, ed El banquete de Severo Arcángel (1965), che offrono una visione personale e suggestiva di mezzo secolo di cultura e vita argentina.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti