Questo sito contribuisce alla audience di

Markópoulos, Gregory

cineasta statunitense (Toledo, Ohio, 1928-Freiburg, Baden-Württemberg, Germania, 1992). Esordì a vent'anni con la trilogia in 16 mm Du sang de la volupté et de la mort (1948). I film successivi lo confermarono tra i più raffinati ed esoterici esponenti dell'underground, ossessionato dalla mitologia greca e dal tema dell'omosessualità (Twice a Man, 1963; The Illiac Passion, 1964-66, dal Prometeo incatenato di Eschilo; Himself as Herself, 1966), ma anche cultore di “ritratti” (Galaxie, 1966; Political Portraits, 1969). Tra le opere teoriche tradotte in Italia ricordiamo Chaos Phaos (1986).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti