Questo sito contribuisce alla audience di

Marsalis, Branford

sassofonista jazz statunitense (Breaux Bridge, Louisiana, 1960). Figlio maggiore di Ellis, dopo aver studiato al New Orleans Center for the Creative Arts, ha frequentato la Southern University di Baton Rouge e, fra il 1979 e il 1981, la Berklee School of Music di Boston, dove ha affinato la tecnica e studiato a fondo l'eredità musicale dei grandi del jazz. Nel 1982, dopo aver lavorato con varie formazioni, tra cui quelle di A. Blakey e C. Terry, partecipa alla registrazione di Father and Sons e sceglie di dedicarsi al sax tenore. Il sodalizio con il fratello Wynton prosegue per un paio d'anni, fino a quando, nel 1985, Marsalis non conosce Sting, l'ex leader dei Police. Marsalis partecipa alla lavorazione di The Dream of the Blue Turtles, a una lunga e fortunata tournée e sale sul palco del grande concerto di beneficenza Live Aid. L'ingresso sulla scena della musica rock funziona come cassa di risonanza per il sassofonista, che, già famoso presso il pubblico del jazz, acquista una grande popolarità. La collaborazione con Sting è continuata nel corso degli anni, senza tuttavia rallentare l'attività di Branford in campo più strettamente jazzistico. Tra le numerose tappe che hanno scandito la vasta produzione dell'artista ricordiamo: Royal Garden Blues (1986), Renaissance (1987), Random Abstract (1988), Trio Jeepy (1989), Crazy People Music (1990), I Heard You Twice the First Time (1992), Bloomington (1993) e Dark Keys (1996). Marsalis ha inoltre lavorato alle musiche dei film di Spike LeeDo the Right Thing (1988) e Mo’ Better Blues (1990). Da ricordare le collaborazioni con C. Haden e S. Wonder.