Questo sito contribuisce alla audience di

Martóne

comune in provincia di Reggio di Calabria (116 km), 290 m s.m., 8,26 km², 597 ab. (martonesi), patrono: san Giorgio (seconda domenica di agosto).

Centro del versante ionico delle Serre, posto su un dosso tra le valli delle fiumare Gallizzi e Levadia. La zona fu abitata fin dall'antichità, come attestano numerosi reperti archeologici; l'attuale paese si sviluppò, nel periodo delle incursioni saracene, attorno al monastero basiliano di Sant'Anania, accrescendosi per l'afflusso di popolazioni della costa. Già casale di Grotteria, appartenne a diversi feudatari, tra cui i Carafa e i Ruffo.L'abitato conserva la chiesa madre, dedicata all'Assunta, quella di San Giorgio e la Torre Mazzoni.§ Le risorse economiche sono rappresentate quasi esclusivamente dall'agricoltura (soprattutto olive) e da piccole attività a essa collegate. In località Crini è una sorgente di acqua oligominerale.§ Nei dintorni è stata portata alla luce una necropoli, ritenuta con ogni probabilità un sepolcreto medievale. In località Gullone sono i resti di una chiesetta bizantina.

Media


Non sono presenti media correlati