Questo sito contribuisce alla audience di

Marzòtto

(Gaetano Marzotto & F. Manifattura Lane). Industria laniera fondata a Valdagno nel 1836 da Luigi (Valdagno 1773-1859) e in seguito sviluppata dal figlio Gaetano (Valdagno 1820-1910) e dal nipote Vittorio Emanuele (Valdagno 1858-1922) che, nel 1879, ne assunse la direzione. Suo figlio Gaetano (Valdagno 1894-1972) ha ulteriormente ampliato le dimensioni del complesso, che ha in seguito esteso la propria attività nel campo agricolo-industriale, alberghiero e minerario. Anche sotto la guida di Pietro (Valdagno , subentrato a Gaetano nel 1972, il gruppo ha continuato a incrementare il proprio fatturato. La Marzotto si è affermata come azienda a ciclo completo producendo coperte, filati e tessuti fino alle confezioni. Varie le consociate, e numerose le attività collaterali. Gli stabilimenti principali sono a Valdagno, Maglio di Sopra (Valdagno), Mortara (Pavia), Manerbio (Brescia), Noventa Vicentina (Vicenza), Trissino (Vicenza). Nel 1975 la Marzotto ha creato una Divisione d'Ingegneria che fornisce al mercato internazionale progettazione e realizzazione di stabilimenti tessili e di confezioni. Grazie a numerose acquisizioni sul mercato nazionale (nel 1958 la Finbassetti, nel 1987 le società Lanerossi, Creazioni Janus e Lebolemoda, nel 1991 il gruppo Guabello, nel 2002 la casa di moda Valentino) e internazionale (nel 1989 il gruppo francese Le Blan, nel 1991 la tedesca Hugo Boss, nel 2000 la ceca Lanificio Nová Mosilana, nel 2002 la lituana Liteksas & Calw AB), la Marzotto è divenuta una tra le maggiori aziende tessili del mondo. A essa fanno inoltre capo, nel settore abbigliamento, le licenze Marlboro Classics, Stephan e Missoni. Nel 2005 viene fondata la Valentino Faschion Group, venduta nel 2012 ad un fondo di investitori del Quatar; nel 2008 vengono acquisiti diversi lanifici e nel 2010 acquisisce il controllo della Ratti, importante azienda nel settore della seta.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti