Questo sito contribuisce alla audience di

Massènzio

(latino Marcus Aurelíus Valeríus Maxentíus), imperatore romano (ca. 280-312). Dopo l'abdicazione nel 305 di Diocleziano e di suo padre Massimiano, avendo appreso che Costantino era stato acclamato Augusto, si fece riconoscere dai pretoriani il titolo di princeps (306). Il padre Massimiano riprese intanto il potere imperiale come Augusto, ma venne presto a diverbio con lo stesso figlio e riparò presso Costantino. Massenzio nel 307 si proclamò allora Augusto controllando l'Italia e Roma dove eseguì grandiose opere pubbliche tra le quali la basilica che ne tramanda il nome. Costantino però si presentò presto in Italia come liberatore dalla sua tirannide: Massenzio lo affrontò nel 312 al ponte Milvio, ma vi fu battuto e perse la vita annegando nel Tevere.

Media


Non sono presenti media correlati