Questo sito contribuisce alla audience di

Matilde (marchesa di Toscana)

di Canossa, marchesa di Toscana (? 1046-Bondeno, Mantova, 1115). Figlia di Beatrice di Lorena e di Bonifacio III, marchese di Toscana della dinastia feudale degli Attoni di Canossa, dopo la morte del padre (1052) e dei fratelli (1055) ereditò i vastissimi domini familiari di Toscana, Emilia e Lombardia con propaggini nell'Italia centrale e meridionale. Risposatasi la madre con Goffredo il Barbuto duca di Lorena, Matilde fu promessa al figlio di questo, Goffredo il Gobbo; ma le nozze vennero contrastate dall'imperatore Enrico III che, temendo la potenza delle due case, imprigionò Matilde e la madre in Germania. Riavuta la libertà (1056), Matilde sposò Goffredo (1069) ma ben presto lasciò la Lorena per l'Italia. Donna ardita e fiera, nella lotta delle investiture, che oppose la Chiesa all'Impero, si schierò dalla parte della Chiesa, prendendo le armi e difendendo strenuamente Gregorio VII e i suoi successori. Accolse a Canossa Gregorio VII (1076) e presenziò al celebre incontro tra il papa ed Enrico IV (25-28 gennaio 1077). Rimasta vedova, sposò nel 1089 il giovane Guelfo V di Baviera, alleato di papa Urbano II, ma non furono nozze felici (il matrimonio fu annullato nel 1095). Matilde, che già durante tutta la sua vita aveva difeso il papato, morendo lasciò per testamento tanto i domini allodiali che quelli feudali alla Chiesa; ma Enrico V rivendicò i beni feudali che, mancando eredi diretti, spettavano all'Impero. Ne seguì una lunga questione, che si risolse col tempo a favore dell'Impero.

Media

Matilde