Questo sito contribuisce alla audience di

Matteucci, Carlo

fisico e uomo politico italiano (Forlì 1811-Ardenza, Livorno, 1868). Dopo aver intrapreso varie attività, nel 1841 ottenne, su segnalazione di A. von Humboldt, la cattedra di fisica all'Università di Pisa. Prese parte attiva nel 1848 al movimento per la Costituzione e, successivamente, alla vita politica nazionale. Fu direttore dei telegrafi, senatore del regno (1860) e ministro della Pubblica Istruzione (1862). In campo scientifico ebbero rilevanza internazionale le sue ricerche di elettrofisiologia, con cui dimostrò che ogni attività muscolare è accompagnata da un fenomeno elettrico, raccolte nell'opera: Essai des phénomènes électro-physiologiques des animaux (1840; Saggio sui fenomeni elettrofisiologici degli animali). Notevoli anche i suoi studi sul magnetismo e sulle correnti indotte. Fondò, insieme a R. Piria, il Nuovo Cimento.

Media


Non sono presenti media correlati