Questo sito contribuisce alla audience di

Maunick, Édouard

poeta mauriziano di lingua francese (Flacq, Isola Maurizio 1931). Maunick ha scelto di affermare la propria identità di nero esprimendo in versi fluidi e armoniosi, limpidi e ricchi di immagini la ricerca di un'identità culturale attraverso alcuni temi fondamentali, quali il mare, l'isola, la donna amata. Temi cari a Maunick sono quelli legati all'universalità culturale e alla solidarietà umana. Le sue raccolte liriche sono: Ces oiseaux du sang (1954; Questi uccelli del sangue), Les manèges de la mer (1964; I maneggi del mare), Fusillez-moi (1970; Fucilatemi), Ensoleillé-vif (1976; Assolato vivo), En mémoire du mémorable (1979; In memoria del memorabile), Désert-Archipel e Cantate païenne pour Jésus-Fleuve (1982; Deserto-Arcipelago e Cantata pagana per Gesù-Fiume), Saut dans l'arc-en-ciel (1985; Salto nell'arcobaleno), Le Cap de désespérance (1985; Il Capo di senza speranza), Un arbre en est la cause (1987; Un albero ne è la causa), Mandela mort et vif (1987), Paroles pour solder la mer (1988; Parole per svendere il mare), Anthologie personnelle (1989). Dal 1961 vive a Parigi. Dopo essere stato produttore di programmi radiofonici e televisivi ha lavorato all'UNESCO. Oltre agli altri, Maunick ha il merito di aver fatto conoscere le letterature dell'Africa, dei Caraibi e dell'Oceano Indiano. La mescolanza delle razze è tra i temi ricorrenti dei suoi libri e li ritroviamo nella raccolta di poesie De sable et de cendre (1996; Di sabbia e di cenere). Con il fotografo Jean-Pierre Evrard ha realizzato Pays de permission (1990) e con Tristan Bréville e Yvan Martial Le temps d’une île (1993; Il tempo di un'isola), una presentazione letteraria dell'isola Maurizio.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti