Questo sito contribuisce alla audience di

Meinecke, Friedrich

storico tedesco (Salzwedel 1862-Berlino 1954). Collaboratore di Sybel all'Archivio di Stato prussiano (1887-1901), poi professore di storia moderna nelle università di Strasburgo (1901-06), Friburgo (1906-14) e Berlino (1914-28), nel 1946 fu eletto primo rettore della Libera Università di Berlino (Ovest). Dal 1893 redattore e dal 1895 direttore dell'autorevole Historische Zeitschrift, Meinecke, uno dei maggiori maestri della storiografia contemporanea, ha analizzato soprattutto la “storia delle idee” come momento di sintesi e chiave di comprensione delle realtà politiche; in particolare ha avuto gran peso nella sua opera la problematica dello storicismo. Primo suo lavoro di grande respiro fu Das Leben des Generalfeldmarschalls Hermann von Boyen (1896-99, 2 vol.; La vita del generale Hermann von Boyen); con Weltbürgertum und Nationalstaat (1908; Cosmopolitismo e Stato nazionale) l'ideale storiografico di Meinecke è già sostanzialmente delineato; seguirono lavori notevoli tra i quali Radowitz und die deutsche Revolution (1913) e i saggi poi raccolti in Preussen und Deutschland im 19. und 20. Jahrhundert (1918) e in Preussisch-deutsche Gestalten und Probleme (1940), e quindi le due opere fondamentali, Die Idee der Staaträson in der neueren Geschichte (1924; L'idea della ragion di Stato nella storia moderna) e Die Entstehung des Historismus (1936, 2 vol.; Le origini dello storicismo), a cui seguì la raccolta di saggi Vom geschichtlichen Sinn und vom Sinn der Geschichte (1939; Senso storico e significato della storia). Notevole l'analisi della Germania del secondo dopoguerra in Die deutsche Katastrophe (1946; La catastrofe della Germania).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti