Questo sito contribuisce alla audience di

Memòrie di un cacciatóre

(Zapiski ochotnika). Raccolta di racconti dello scrittore russo I. S. Turgenev pubblicata nel 1852. Scritti dapprima per la rivista Il contemporaneo, i racconti furono riuniti in volume col titolo apparso come sottotitolo al primo racconto Chor e Kalinyc (1847). L'unità della raccolta è data dallo spirito con cui l'autore vede e descrive il mondo contadino russo, i servi della gleba. Palpita nelle pagine di questi racconti l'anima di una terra in cui il popolo vive la sua tragedia servile, fatta di rassegnazione e di miseria, non di disperazione, respinta da una fede profonda, che è anche fede nell'uomo e nella giustizia umana. Tutto in queste pagine assurge a poesia in un tono così alto di lucida accusa da impressionare grandemente anche il futuro Alessandro II e contribuire all'abolizione della servitù, mentre indimenticabili al lettore restano racconti come Il prato di Bez, Il medico del distretto, Due proprietari e L'Amleto del distretto di Scigrj. Dopo un lungo intervallo, Turgenev scrisse La fine di Certopchanov (1872), La reliquia vivente (1874) e Batte (1875), che vennero aggiunti al volume.

Media


Non sono presenti media correlati