Questo sito contribuisce alla audience di

Menòtti, Giancarlo

compositore e librettista italiano (Cadegliano, Varese, 1911-Principato di Monaco 2007). Ha studiato sotto la guida della madre al Conservatorio di Milano (1923-27) e al Curtis Institute of Music di Filadelfia, con R. Scalero, dove nel 1948 è divenuto insegnante e ha presieduto (1952-55) la sezione di composizione e teoria. Successivamente si è dedicato interamente alla carriera di compositore, di organizzatore (assai nota è la sua attività come fondatore, nel 1958, e animatore del Festival dei due Mondi a Spoleto), di regista di lavori propri e altrui. È stato direttore artistico dell'Opera di Roma dal 1992 al 1994. Sin dall'esordio come operista (Amelia al ballo, Filadelfia, 1937), Menotti si è segnalato esperto uomo di teatro, pronto a cogliere sia nei libretti, di cui è egli stesso abile compilatore, sia nello stile musicale, una zona mediana del gusto, lontana sia dalle avanguardie sia da troppo risaputi moduli melodrammatici. Tra i lavori più riusciti sono The Medium (1946; La medium), The Telephone (1947), The Consul (1950), l'opera televisiva Amahl and the Night Visitors (1951; Amahl e gli ospiti notturni), Maria Golovin (1958), Martin's Lie (1964; La bugia di Martin), Help! Help! The Goblins (1968). Da menzionare inoltre The Unicorn, the Gorgon and the Manticore (1956), balletto-madrigale, la cantata drammatica Death of the Bishop of Brindisi (1963) e le opere: The Hero (1976), Juana la loca (1981; Giovanna la pazza), A Bride from Pluto (1982), Goya (1986). Da ricordare il libretto Vanessa, musicato nel 1958 da S. Barber.

Media


Non sono presenti media correlati