Questo sito contribuisce alla audience di

Metter, Izrail Moisseevič

scrittore ucraino (Harkov 1909-San Pietroburgo 1996). Fu tra i pochi sopravvissuti alla drammatica stagione dello ždanovismo e della stagnazione brežneviana. Interprete lucido e pacato di un'epoca irripetibile e tragica, Metter è un caso letterario emblematico: esordì nel 1936 ma le sue opere furono pubblicate solo dopo il 1989. Tra queste ricordiamo Il quinto angolo, storia di un amore sullo sfondo delle purghe staliniane, Non cade in oblio e Genealogie. Nel 1998 è stata pubblicata in Italia la raccolta Ritratto di un secolo, che riunisce in un unico volume gli scritti che ripercorrono autobiograficamente la vita di Metter: si tratta dei romanzi Quinto angolo, Muchtar, Genealogia, e dei tre racconti La Grande Casa, Al di là del Lete, Arrivederci.

Media


Non sono presenti media correlati