Questo sito contribuisce alla audience di

Mississippi (Stato)

Guarda l'indice

Stato federato degli USA meridionali, 123.514 km², 2.910.540 ab. (stima 2006), 24 ab./km², capitale: Jackson. Confini: Tennessee (N), Alabama (E), golfo del Messico (S), Louisiana (SW), Arkansas (NW). "La cartina geografica dello Stato è a pag. 37 del 15° volume." "Per la cartina geografica dello Stato vedi il lemma del 13° volume."

Generalità

Il territorio, prevalentemente pianeggiante, si eleva gradatamente dalla fascia costiera verso l'interno, dove raggiunge a NE i 246 m nel monte Woodall, massima elevazione dello Stato. Le coste, basse e paludose, sono accompagnate da isole sabbiose che delimitano un vasto e poco profondo bacino lagunare, il Mississippi Sound. Il principale corso d'acqua è il Mississippi, che forma il confine occidentale dello Stato; in esso confluiscono i fiumi Yazoo e Big Black, mentre sfociano direttamente nel golfo del Messico il Pearl e il Pascagoula, formato quest'ultimo dall'unione dei fiumi Leaf e Chickasawhay. Numerosi sono i laghi; i bacini più importanti sono però i laghi artificiali Arkabutla, Sardis, Enid, Grenada, Okatibee e Ross Barnett. Il clima è di tipo subtropicale, con estati molto calde e inverni miti e brevi; le precipitazioni si aggirano sui 1200-1500 mm annui. Oltre il 50% della popolazione è costituito da neri e questo spiega l'importanza sociale, all'interno dello Stato, della questione razziale. L'agricoltura costituisce la maggiore voce economica: i principali prodotti sono il cotone, la soia, i cereali, gli ortaggi, la frutta, i semi da olio di tung. Notevoli anche l'allevamento bovino e le risorse forestali. Ca. il 90% della produzione mineraria è rappresentato da petrolio e gas naturale, lavorati in sei raffinerie. Meno sviluppate sono le attività manifatturiere, che vedono una netta prevalenza dei settori alimentari, tessile, della carta, del legno e dell'elettronica. Città principali, oltre la capitale, sono Biloxi, Meridian, Gulfport, Greenville, Hattiesburg, Columbus e Vicksburg.

Storia

In origine parte della Louisiana, passò alla Gran Bretagna nel 1763, agli USA nel 1795, attraverso la Spagna che l'aveva occupata nel 1791, e fu organizzato come territorio nel 1798. Divenne Stato nel 1817, dopo essere stato separato dall'Alabama; schiavista (la sua prosperità si basava sulla coltura del cotone), fu il secondo Stato ad aderire alla secessione nel 1861 e ha ufficialmente abolito la schiavitù solo nel 1995.