Monteleóne di Pùglia

comune in provincia di Foggia (60 km), 842 m s.m., 36,04 km², 1413 ab. (monteleonesi), patrono: san Rocco (16 agosto).

Centro situato su un rilievo nell'alto bacino del torrente Cervaro. Nel Medioevo dipese a lungo da Ariano Irpino e in seguito venne infeudato ai Pignatelli. Fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1980. Nell'abitato sorge la chiesa madre di Maria Santissima Addolorata, che risale al sec. XV. § L'economia si basa sull'agricoltura (cereali) e sull'allevamento, favorito dai pascoli e cui si collega la produzione di formaggi tipici. Altre risorse provengono da attività manifatturiere (settori edile e dell'abbigliamento) e dal turismo escursionistico. Nel territorio è in funzione una centrale per la produzione di energia eolica.