Questo sito contribuisce alla audience di

Montemònaco

comune in provincia di Ascoli Piceno (37 km), 988 m s.m., 67,61 km², 684 ab. (montemonachesi), patrono: san Benedetto (21 marzo).

Centro dell'alta valle del fiume Aso, compreso nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Fortificazione farfense nel sec. X, entrò poi nel feudo di Monte Passillo. Libero comune dal sec. XIII, fu spesso in lotta con Norcia. Nel 1586 Sisto V lo aggregò al presidiato di Montalto. § Della rocca rimangono solo ruderi pittoreschi. Al centro del borgo, cinto da mura, vi è il Palazzo Comunale (1546) con torre civica (sec XIII). Nella chiesetta di San Giovanni Battista (originaria del sec. XIV) si conserva una pala di Giulio Vergari, mentre San Benedetto ha un portale rinascimentale (1546). § L'economia si basa sulla pastorizia e sui prodotti dei boschi (castagne, funghi, miele). È centro di turismo estivo molto frequentato per la bellezza dei paesaggi e per le escursioni sui Monti Sibillini e al lago di Pilato.