Questo sito contribuisce alla audience di

Montesàrchio

Guarda l'indice

comune in provincia di Benevento (18 km), 300 m s.m., 26,26 km², 12.878 ab. (montesarchiesi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Generalità

Cittadina del piano di Montesarchio (l'antica valle Caudina), posta alle falde sudorientali del monte Taburno.

Storia

Il territorio fu abitato fin dall'antichità, come testimoniano i reperti di età neolitica, le necropoli della Caudium sannitica (VI-V a. C.), ricche di corredi (tra cui ceramiche greche del sec. VIII) e le architetture del sito, solo parzialmente esplorato, della Caudium romana.È l'antica Caudium, principale centro dei Sanniti Caudini, che raggiunse il massimo splendore nel sec. V a. C. L'attuale abitato nacque, dopo il declino della città romana, in epoca longobarda, intorno al castello fatto costruire dal duca Arechi II alla fine del sec. VIII. Di grande importanza strategica per l'intera valle Caudina, passò ai Normanni nel 1073 e in epoca sveva fu feudo dei D'Aquino. Passò poi ai Della Leonessa per investitura di Carlo d'Angiò, ai Carafa (1480) e ai D'Avalos (1528-1806). La città subì ingenti danni nel sisma del 1980.

Arte

L'abitato è dominato dal castello longobardo (trasformato in età normanna e angioina) e dalla torre borbonica. Ai piedi del castello è l'abbazia di San Nicola, di origine medievale, che conserva una pregevole tavola raffigurante la Deposizione. Risalgono al Settecento la chiesa dell'Annunziata, a navata unica, con altare marmoreo, e la chiesa di San Francesco, con facciata disegnata forse dal Vanvitelli. La Cappella D'Avalos (o chiesa della Purità) è del sec. XVII. Nei dintorni sono vari siti archeologici, tra cui la necropoli di Caudium, i cui reperti sono sparsi in vari musei della Campania, tra cui il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Economia

Comune tradizionalmente agricolo (cereali, olive, uva da vino e tabacco), conta anche su una sviluppata economia industriale nei settori enologico (aglianico e taburno DOC), dei materiali da costruzione e della lavorazione del marmo e del legno. Rilevante il turismo escursionistico (monte Taburno) e archeologico.