Questo sito contribuisce alla audience di

Morais, Venceslau de-

scrittore portoghese (Lisbona 1854-Tokushima 1929). Studiò alla Scuola Navale e giunse al grado di capitano di fregata. A Macao sposò una cinese, indi fu nominato console a Kōbe, in Giappone, dove visse coniugalmente con una geisha. Nel 1913 si trasferì con una giovanissima giapponese nell'isola di Shikoku, a Tokushima, dove trascorse il resto dei suoi giorni. Adottò le vesti e le abitudini dei Giapponesi, benché essi lo deridessero e disprezzassero; si convertì al buddhismo e tracciò un lirico, profondo, appassionato elogio della vita orientale nelle sue numerose opere, fra cui Dai-Nippon (1897), O culto do chá (1905; Il culto del tè) e la serie delle Cartas do Japão (1905-11) dove in prosa ricca e sensibile, svariando dalle impressioni della natura alla riflessione culturale, esprime un singolare misticismo estetico.