Questo sito contribuisce alla audience di

Morosini, Francésco

doge di Venezia detto il Peloponnesiaco (Venezia 1618-Nauplia 1694). Ammiraglio della flotta veneziana del Mar Egeo, combatté contro i Turchi riportando numerose vittorie (1657-61). Inviato quindi alla difesa di Candia (1666), sostenne con grande valore per 28 mesi l'assedio del Köprülü, ma fu alla fine costretto alla resa con l'onore delle armi (1669). Al ritorno in patria fu sottoposto a processo per aver negoziato la pace senza il benestare del Senato, ma poco dopo, prosciolto, fu nominato procuratore di S. Marco, savio del Consiglio, revisore delle fortificazioni (1678) e provveditore generale del Friuli (1683). Nel 1684, ripresa la guerra contro i Turchi, conquistò nel giro di quattro anni Corinto, Atene e tutto il Peloponneso (da cui il suo soprannome) e nel 1688, mentre stava ancora conducendo le operazioni belliche, fu eletto doge. Rientrato a Venezia dopo il fallito assedio di Negroponte, riprese il comando supremo della flotta per una nuova campagna contro i Turchi, ma morì poco dopo.