Questo sito contribuisce alla audience di

Morton, Ferdinand “Jelly Roll”

pianista, cantante e compositore jazz statunitense (Gulfport, Louisiana, 1884-Los Angeles 1941). Personalità fra le maggiori e più singolari della storia del jazz (egli stesso si attribuiva, con altri meriti, l'“invenzione” di tale musica), fu un pianista eminente, dotato di uno stile asciutto e deciso, derivato dal ragtime, ed ebbe ottime qualità di direttore d'orchestra e di compositore. Iniziò la carriera alla fine del secolo scorso nei locali notturni di New Orleans; dal 1905 compì numerose tournée pionieristiche attraverso gli USA, contribuendo in modo determinante alla diffusione delle espressioni primigenie del jazz. Nel 1926 fondò il suo complesso migliore, i Red Hot Peppers, con cui effettuò la maggior parte delle proprie incisioni fonografiche. Quattro anni dopo, ridotto quasi in miseria, cessò ogni attività. Fu riscoperto nel 1938 dall'etnologo A. Lomax, che gli fece registrare un racconto della sua vita, ricco di esempi musicali. La musica di Morton rappresenta la più raffinata sintesi delle tradizioni musicali cittadine di New Orleans; uno struggente inno alla città e alle sue bellezze. Formalmente, segna il passaggio dal ragtime scritto al jazz improvvisato.