Questo sito contribuisce alla audience di

Muravèra

comune in provincia di Cagliari (64 km), 11 m s.m., 179,84 km², 4650 ab. (muraveresi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro del Sarrabus, situato sulla destra del Flumendosa; è compreso nel Parco Geominerario della Sardegna. Il territorio, abitato in epoca nuragica, appartenne nel Medioevo alla curatoria di Sarrabus, compresa nel Giudicato di Cagliari (sec. XI), e, dal 1258, ai Visconti di Gallura. Possesso dei pisani nei primi anni del Trecento, fu poi conquistato dagli Aragonesi e infeudato ai Carroz, della Contea di Quirra, eretta a marchesato nel 1603 e riscattata con l'abolizione dei feudi nel 1839. Tra gli ultimi decenni dell'Ottocento e i primi del Novecento vi furono attive miniere di argento. § L'economia si basa in prevalenza sul turismo estivo (notevole è la frazione di Costa Rei, una splendida località di mare, con una spiaggia di sabbia finissima e bianca, lunga quasi otto chilometri) ed escursionistico, con buone strutture ricettive, balneari e sportive, e sul settore terziario. La piccola industria è presente nei settori meccanico, edile e alimentare (vini e liquori). È fiorente l'agricoltura, che produce agrumi pregiati (cui è dedicata un'importante sagra nel mese di aprile), ortaggi, uva e olive; sono praticati, inoltre, la pesca e l'allevamento ovino. § Nei dintorni sono lo stagno di Torre Salinas, dove vive una colonia di fenicotteri rosa, lo stagno di Colostrai, con una ricca fauna di uccelli palustri, e quello di Feraxi, con una bellissima spiaggia caratterizzata da sabbia ferrosa.