Questo sito contribuisce alla audience di

Nàtan il Sàggio

(Nathan der Weise), dramma in versi (Blankvers) dello scrittore tedesco G. E. Lessing, composto nel 1779. La parabola dei tre anelli narrata da Boccaccio è trasfusa da Lessing in un complesso e sottile conflitto che si conclude nell'esaltazione della tolleranza e della fede deista: attraverso l'incontro tra l'ebreo Natan, il sultano Saladino e il templare cristiano, rappresentanti delle tre religioni monoteistiche, Lessing rappresenta l'ideale illuministico di umanità con una finezza, una misura e un calore che fanno di questo poema drammatico il capolavoro non solo dell'autore ma di tutta la poesia illuministica tedesca. Rappresentato per la prima volta a Berlino nel 1783, ha avuto numerose riprese nei teatri di lingua tedesca. Le più importanti sono quella diretta da K. Immermann nel 1835 a Düsseldorf e quelle interpretate al Deutsches Theater da A. Bassermann nel 1911 e da P. Wegener e W. Heinz nel secondo dopoguerra, dopo l'esclusione del dramma dai repertori nel periodo nazista.

Media


Non sono presenti media correlati