Questo sito contribuisce alla audience di

Nìger (fiume)

fiume dell'Africa occidentale, per lunghezza (4160 km) al terzo posto nel continente dopo il Nilo e il Congo. Conosciuto nel suo alto corso anche col nome di Gioliba (Djoliba), il Niger nasce a ca. 800 m s.m. dal versante nordorientale dei monti Loma, al confine tra Guinea e Sierra Leone e scorre, dopo un breve tratto, verso NE bagnando Kouroussa e arricchendosi delle acque dei fiumi Milo (da destra) e Tinkisso (da sinistra). Attraversata la Guinea, entra nel territorio del Mali, di cui bagna la capitale Bamako: poco dopo, oltrepassate le rapide di Sotuba, allarga via via il suo letto formando, tra Ségou e Tombouctou (Timbuktu) un vasto delta interno (Macina) e ricevendo da destra l'apporto del Bani. Oltrepassata Tombouctou il Niger descrive un ampio arco verso SE dopo aver valicato la stretta soglia di Tosaye e si allarga di nuovo: bagnata Gao, precipita quindi da una serie di rapide tra Ansongo (Mali) e Say (Stato del Niger) passando per Niamey e, dopo aver formato parte del confine Niger-Benin, entra in Nigeria, ricevendo da sinistra il fiume Sokoto. Dopo aver alimentato il lago artificiale di Kainji, forma un'altra serie di rapide che si esauriscono a valle di Jebba. A Lokoja, dopo la confluenza da sinistra del Benue (il suo maggiore affluente), assume la direzione definitiva verso S fino alla sua foce nel golfo di Guinea con un vasto delta a ventaglio (24.000 km²) i cui bracci principali sono detti Bonny, Sombreiro, Brass, New Calabar, Forcados (il maggiore) e Nun. Il Niger, il cui bacino imbrifero misura 2.092.000 km², è navigabile da Kouroussa ad Ansongo (le rapide di Sotuba sono aggirate da un canale artificiale) e da Lokoja alla foce. L'esplorazione del corso del Niger è legata al grande esploratore Mungo Park.

Media


Non sono presenti media correlati