Questo sito contribuisce alla audience di

Nabû

dio mesopotamico tra i più frequentemente ricordati nei testi, venerato soprattutto in Babilonia sia nel periodo antico sia nel recente. In Assiria aveva centri di culto a Ninive e a Kalkhu. Era considerato lo scriba delle tavole dei destini e pertanto connesso con la divinazione. A questa funzione di “annunciatore” dei destini alluderebbe il suo nome. Nel pantheon mesopotamico è inquadrato come figlio del dio Marduk e della dea Sarpanitu; ha per sposa la dea Tasmetu insieme alla quale era venerato a Borsippa nel tempio Ezida. Altre sue paredre erano le dee Nanâ e Nisaba, quest'ultima connessa con l'agricoltura. Astrologicamente era connesso con il pianeta Mercurio che portava il suo nome. Rappresentano forse Nabû quattro statue dei sec. IX-VIII a. C., provenienti da Kalkhu (due sono al British Museum di Londra), che non hanno però lo stile della tavoletta scrittoria che sembra essere l'attributo peculiare del dio.

Media


Non sono presenti media correlati