Questo sito contribuisce alla audience di

Nabeshima

tipo di porcellana giapponese del sec. XVIII che prende nome dalla nobile famiglia dei Nabeshima di Saga che ne fondò le fornaci a Okawachi, presso Arita. Apparentata al vasellame Imari e Kakiemon, la porcellana Nabeshima (la cui produzione fu limitata ai pezzi per il fabbisogno della famiglia Nabeshima) si distingue per la qualità della pasta bianca, sottile ma consistente, e dello smalto, nonché per la tipica decorazione con motivi a pettine attorno al piede dell'oggetto. La colorazione smaltata delle decorazioni, geometriche o floreali, si combina con i disegni in blu del fondo sottovernice, in una distribuzione compositiva affine alle porcellane smaltate cinesi del periodo Ch'eng Hua (sec. XV).

Media


Non sono presenti media correlati