Questo sito contribuisce alla audience di

Nahua

gruppo etno-linguistico che costituisce il substrato etnico delle popolazioni messicane e delle regioni vicine. I Nahua, che parlano una lingua propria (nahuatl), giunsero nella zona messicana, probabilmente a partire dal sec. VII-VIII, provenienti dal Nord a ondate successive. Cacciatori organizzati in clan patrilineari a struttura gerarchico-militare, nel sec. XI avevano sottomesso gli autoctoni di gran parte delle zone invase, scontrandosi con le forti compagini etniche (Maya, Zapotechi, Toltechi, Mixtechi, ecc.) creatrici delle antiche città-Stato. Secondo vari studiosi, la loro organizzazione sociale si è trasformata in seguito alle migrazioni, da più antiche strutture matrilineari, affini a quelle delle genti pueblo, paiute e shoshone. Nahua erano i Chichimechi e gli Aztechi (secondo alcuni anche i Toltechi) che unificarono gran parte del Messico divenendo agricoltori sedentari. Genti Nahua si spinsero fino all'istmo di Panamá, dove esistono ancora piccoli gruppi isolati (Nicarao, Sigua, Chuchure, ecc.).

Media


Non sono presenti media correlati