Questo sito contribuisce alla audience di

Najibullah, Muhammad

uomo politico afghano (Paktia 1947-Kabul 1996). Militante del Partito Democratico del Popolo Afghano (PDPA) dal 1965, capo dei servizi segreti con B. Karmal, sostituì quest'ultimo nel 1986 alla guida del partito e l'anno successivo divenne presidente della Repubblica. Massimo responsabile del potere nella difficile fase del ritiro delle truppe sovietiche, Najibullah tentò di avviare un processo di riconciliazione nazionale. Le incessanti offensive dei mujaeddin riuscirono però ad avere il sopravvento e Najibullah fu costretto a dimettersi (1992). Il suo tentativo di fuggire all'estero fu bloccato dai militari e l'ex presidente ottenne la protezione delle Nazioni Unite fino al 27 settembre del 1996 quando, dopo la caduta di Kabul, fu ucciso dai Taliban e il suo cadavere esposto in piazza, a pochi metri dal palazzo presidenziale.

Media


Non sono presenti media correlati