Questo sito contribuisce alla audience di

Naquane

località del comune di Capo di Ponte (provincia di Brescia), in Valcamonica. Vi si trova il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri, istituito nel 1955 e dichiarato nel 1979 patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Il parco tutela più di cento petroglifi databili in un arco cronologico compreso tra l'Epipaleolitico e la prima Età del Ferro, ma attribuibili per la maggior parte all'Eneolitico e alla prima Età del Bronzo. Le figure rappresentano per lo più cervi e altri animali, scene di caccia e di combattimento o di lotta, capanne e altre costruzioni, armi, attrezzi, aratri e carri, ma non mancano raffigurazioni simboliche variamente interpretate. Presso l'Antiquarium del parco sono conservati anche il terzo e il quarto “masso di Cemmo”, uno dei maggiori esempi di “composizione monumentale” dell'arco alpino, recante almeno cinque fasi incise sovrapposte di graffiti di arte camuna.

Media


Non sono presenti media correlati