Questo sito contribuisce alla audience di

Narentani

popolazione stanziatasi nel Medioevo nell'Adriaticoorientale tra le foci del Narenta e del Cetina. L'origine dei Narentani è oscura, ma a causa della loro abilità marinara e per il fatto che esercitavano costantemente la pirateria si è fatta l'ipotesi che fossero dei Vichinghi discesi tra il 615 e il 625 dal Mare del Nord. Nel sec. IX raggiunsero il culmine della loro potenza stanziandosi nelle isole di Meleda, Curzola, Lesina, Lissa e Lagosta, ricevendo tributi da varie città adriatiche compresa Venezia. Nel sec. XIII gli atti di pirateria dei Narentani furono così frequenti che nel 1221 Onorio III indisse contro di loro una crociata. Sconfitti da Venezia, che nel 1278 occupò Lesina, Lissa e Brarza, sotto i conti Sulich e Bribir (1282-1322) si risollevarono, per decadere definitivamente dopo il 1444, quando Venezia si impadronì di Almissa, loro base principale.

Media


Non sono presenti media correlati