Questo sito contribuisce alla audience di

Nassau, Casa di-

Guarda l'indice

Le origini

Antica famiglia nobile tedesca che prese il nome dal castello di Nassau, costruito nel sec. XI dai conti di Laurenburg. Primo conte di Nassau fu Walram I (m. 1198), dai cui nipoti Walram II (m. 1276) e Ottone (m. 1289), che si spartirono i domini a sinistra e a destra del fiume Lahn (1255), discesero le due linee principali della famiglia: la prima è quella dei duchi di Nassau e dei granduchi del Lussemburgo; la seconda quella degli statolder e poi re d'Olanda.

La linea walramiana

Sembrò destinata a grande successo perché Adolfo I, figlio di Walram II, nel 1292 fu eletto re di Germania alla morte di Rodolfo I d'Asburgo; sennonché il figlio di quest'ultimo, Alberto, non si rassegnò alla mancata nomina, si ribellò e alla fine sconfisse e uccise Adolfo (1298) nella battaglia di Göllheim. Alla morte di Gerlach I (1386) figlio di Adolfo, la linea walramiana si divise in due rami, quello di Idstein (estinto nel 1605) e quello di Weilburg che, spogliato nel 1866 nella persona di Adolfo (1817-1905) del ducato di Nassau a opera di Bismarck, nel 1890 salì, con lo stesso Adolfo, per il patto di successione concluso tra i due rami nel 1783, sul trono del Lussemburgo, separatosi dall'Olanda (dove succedette Guglielmina, 1880-1962) in quanto nel granducato vigeva la legge salica, successivamente abolita (10 luglio 1907) per permettere alle figlie del granduca Guglielmo IV (1852-1912) di succedergli. Con l'abdicazione della granduchessa Carlotta (1964) e l'avvento al trono del di lei figlio Giovanni, il granducato è passato alla famiglia dei Borbone-Parma.

La linea ottoniana

Ebbe origine dal castello di Dillenburg e fu importante nella storia della Borgogna e dell'Olanda. I conti Engelberto I (m. 1442) ed Engelberto II (m. 1504) acquistarono possessi nel Brabante e collaborarono con Carlo il Temerario, duca di Borgogna, e con Filippo il Bello, arciduca d'Austria. Enrico III (m. 1538), sposando Claudia di Châlons nel 1515, fece entrare tra i domini della famiglia il principato di Orange che diede il nome alla linea, che da allora fu chiamata di Nassau-Orange anche quando nel 1702 Orange passò alla Prussia e nel 1713 definitivamente alla Francia. Tra gli illustri appartenenti a questo ramo si ricordano Guglielmo il Taciturno (m. 1584), eroe dell'indipendenza olandese e statolder d'Olanda; il di lui figlio Maurizio (m. 1625), famoso generale che continuò la lotta iniziata dal padre; Guglielmo III (m. 1702), che lottò contro Luigi XIV di Francia e nel 1688 fu chiamato dagli Inglesi e rovesciò re Giacomo II divenendo egli stesso, unitamente alla moglie Maria II Stuart (m. 1694), sovrano d'Inghilterra. Un lontano parente di Guglielmo III, appartenente a un ramo cadetto dei Nassau-Orange, Giovanni Guglielmo il Frisone (m. 1711), ne ereditò nel 1702 i domini continentali (salvo Orange) e da costui discesero Guglielmo IV (m. 1751), nominato statolder ereditario nel 1747, Guglielmo V (m. 1806), che fu costretto ad abdicare nel 1795, Guglielmo I (m. 1844), che divenne re dei Paesi Bassi nel 1815 ma perdette il Belgio nel 1830, e, successivamente, le regine Guglielmina (m. 1962), Giuliana (n. 1909-2004), che nel 1980 abdicò in favore della figlia Beatrice (n. 1938), attualmente regnante.