Questo sito contribuisce alla audience di

Nevelson, Louise

(nata Berliawsky), scultrice statunitense di origine russa (Kijev 1900-New York 1988). Studiò a New York completando poi la sua preparazione artistica con soggiorni in Europa a partire dal 1931 (dal 1931 al 1932 fu alla scuola di H. Hofmann a Monaco). Ritornata a New York, divenne assistente di Diego Rivera e in quel periodo si dedicò alla scultura, attenta alla lezione cubista e dadaista e sensibile all'arte precolombiana. Nel corso degli anni Cinquanta ha definito il suo stile plastico in una serie di “sculture-architetture”, la cui composizione è basata sull'articolazione di pure forme geometriche secondo un originale schema componibile, ricco di soluzioni e di variazioni. Nell'evoluzione del suo personalissimo linguaggio, la Nevelson ha sempre più raffinato il significato altamente poetico delle sue opere (in legno colorato e successivamente in plexiglas), pregne di enigmatici simbolismi (La porta dell'eternità, 1958; Viaggio, 1962; Serie canadesi, 1968).

Media


Non sono presenti media correlati