Questo sito contribuisce alla audience di

Niš

città della Serbia, 193 m s.m., 173.724 (stima 2002).

Antica località della Serbia, 200 km a SSE di Belgrado, sul fiume Nišava, poco a monte della sua confluenza nella Morava Meridionale. Da sempre crocevia per le comunicazioni e i trasporti tra Europa e Balcani, Niš è anche un notevole centro culturale, sede di un'università (1965) e di accademie, musei, biblioteche e teatri. In italiano, Nissa. § Durante l'Impero romano Naissus fu importante porto fluviale ottenendo l'ordinamento municipale nella seconda metà del sec. II. Fu patria di Costantino. Distrutta da Attila (445 ca.) risorse ben presto. Nel sec. X appartenne ai Bulgari e più tardi ai Serbi; finché nel 1386 fu conquistata dai Turchi. Con il Congresso di Berlino del 1878 venne assegnata alla Serbia. § Dell'antica città romana si ricordano le mura e splendidi edifici eretti da Costantino, ma si sono sinora ritrovati solo mosaici, rilievi, altari, iscrizioni e statue, tra cui una in bronzo di Giove in trono. Di epoca ottomana restano la fortezza, dei sec. XVII-XVIII, con all'interno una moschea cupolata, e cospicue tracce di altri edifici, qualche moschea, nonché la macabra Torre dei Cranii, dell'inizio del sec. XIX.

Media


Non sono presenti media correlati