Questo sito contribuisce alla audience di

Nicòtera, Giovanni

patriota e uomo politico italiano (Sambiase, Catanzaro, 1828-Vico Equense, Napoli, 1894). Esule a Malta e a Corfù in seguito ai moti del 1848, accorse alla difesa di Roma dove rimase ferito. Partecipò quindi con C. Pisacane alla spedizione di Sapri (1857): ferito e catturato, ebbe commutata la condanna a morte nell'ergastolo da cui fu liberato dallo sbarco dei Mille. Democratico e repubblicano, partecipò con Garibaldi ai fatti di Aspromonte e di Mentana e alla terza campagna d'indipendenza, ma dopo il 1870 si accostò alla monarchia. Deputato dal 1862, fu ministro degli Interni con Depretis (1876-77) e con Di Rudinì (1891-92).

Media


Non sono presenti media correlati