Questo sito contribuisce alla audience di

Nicolas de Verdun

orafo, smaltatore e scultore francese (Verdun ca. 1140-Tournai dopo il 1205). Artista cosmopolita, fu tra i principali artefici dell'avvento della stilistica gotica. La sua opera maggiore è l'ambone di Klosterneuburg, vicino a Vienna (1170-81), che ci è giunto come un trittico formato da 51 placche dopo la trasformazione avvenuta in seguito a un incendio nel 1330 (originariamente le placche di Nicolas de Verdun rivestivano i tre lati di un ambone-ciborio sostenuto da colonne). Le placche in smalto champlevé su rame, recanti scene del Vecchio e Nuovo Testamento, sono disposte su tre file, con suddivisione verticale in triadi. Il complesso dell'opera, realizzato con un linguaggio altamente espressivo, dove i contorni fortemente incisi e sottolineati con lo smalto conferiscono volume alle figure e profondità alle scene, rivela una netta progressione dai primi bassorilievi, di stile tardoromanico, agli ultimi, precoci espressioni del gotico classico. L'altra opera firmata da Nicolas de Verdun è il reliquiario di Notre-Dame a Tournai (1197-1205), che ci è giunto notevolmente rimaneggiato. Qui la decorazione è affidata solo in parte allo smalto: nelle scene principali, frontali e laterali, tratte dal Nuovo Testamento, le figure sono a tutto tondo, liberamente dinamiche, rivestite di fluidi panneggi. Tra il 1181 e il 1205 si collocano anche gli altri tre reliquiari attribuiti all'artista: di Annone a Siegburg, di Albino in S. Pantaleone a Colonia e dei Re Magi nel duomo di Colonia. Di quest'ultimo, che è il meglio conservato, appartengono certamente a Nicolas de Verdun il progetto dell'opera e le vigorose ed espressive figure dei Profeti, capolavoro della scultura dell'epoca.

Media

Nicolas de Verdun.