Questo sito contribuisce alla audience di

Nirālā

(L'Unico), pseudonimo del poeta hindī Sūryakānt Tripathī (1898-1961). Fu, assieme a Jay Śaṅkar Prasād, Mahādevī Varmā e Sumitrā Nandan Pant, tra i maggiori esponenti della corrente Chhāyavāda. Influenzato dall'Advaita di Saṁkara e da Tagore, nei suoi versi la natura, al pari degli esseri umani, talvolta sorride, altre volte piange, si mostra a momenti violenta oppure pacifica. Pioniere e sostenitore del verso libero, ora largamente usato, fu per questo avversato dalla critica. Le sue opere più importanti sono Anāmikā (1924), Gītikā (1936), Tulsīdās (1938), Arādhanā (1953). Nel 1983 è stata pubblicata l'opera omnia in 8 volumi comprendenti anche gli scritti in prosa, sotto il titolo Rājkamal Prakāśnon.

Media


Non sono presenti media correlati