Questo sito contribuisce alla audience di

Norén, Lars

poeta e drammaturgo svedese (Stoccolma 1944). Potenza visionaria e forzature linguistiche caratterizzano la sua prima raccolta, le “poesie per immagini” di Stupor (1968), mentre in seguito si registra un riavvicinamento al dettato modernista nella scia di Hölderlin, Rilke e Celan (Order, 1978; Cuore a cuore, 1980). Guadagnandosi fin dal debutto teatrale la fama di “nuovo Strindberg” coi potenti drammi familiari Il coraggio di uccidere (1980) e Una terribile felicità (1981), N. ha consolidato la sua posizione di preminenza anche fuori dei confini nazionali col dittico La notte è madre del giorno (1983; rappresentato in Italia nel 1988) e Il Caos è vicino a Dio (1983). Tra i drammi successivi ricordiamo Demoni (1984), L'Eucarestia (1985) e E dateci le ombre (1991), Novembre (2000), Guerra (2003).

Media


Non sono presenti media correlati