Questo sito contribuisce alla audience di

Novikov, Nikolaj Ivanovič

scrittore e giornalista russo (Tichvinskoe, Mosca, 1744-1818). Fu una delle figure più rilevanti della vita culturale russa durante il regno di Caterina II e lottò, per il raggiungimento dei suoi ideali, con la stessa imperatrice. Strumento di questa lotta furono le polemiche che egli sostenne come direttore delle riviste satiriche Truten' (Il calabrone) e Živopisec (Il pittore), dove affrontò le più spinose questioni sociali del tempo, come la servitù della gleba. Ma l'attività di Novikov non si limitò alle pubblicazioni delle riviste satiriche: essa si allargò alla pubblicazione del Saggio di un dizionario storico degli scrittori russi (1772) e della Biblioteca russa antica (1773-75). Diventato massone (1775), si trasferì da Pietroburgo a Mosca (1779), dove organizzò la prima biblioteca pubblica della città, pubblicò opere filosofiche e scientifiche di carattere popolare, traduzioni di opere europee, manuali per le scuole, libri per la gioventù e il primo giornale russo per ragazzi. Per la sua ostilità al dispotismo e l'adesione sempre più stretta alle idee massoniche, Novikov fu accusato di complotto e condannato a morte (1792), pena commutata in quindici anni di carcere da trascorrere nella fortezza di Schlüsselburg. Alla morte di Caterina II (1796), fu graziato dall'imperatore Paolo I.

Media


Non sono presenti media correlati