Questo sito contribuisce alla audience di

Nuòva Britànnia

Guarda l'indice

Generalità

Isola (36.500 km²; 263.000 ab.) dell'Oceano Pacifico, la maggiore e la più importante fra quelle che costituiscono l'Arcipelago di Bismarck (cui si rinvia per la storia), inclusa nello Stato di Papua Nuova Guinea. Bagnata dal Mar di Bismarck a N e dal Mar delle Salomone a S, si allunga ad arco per ca. 600 km in direzione NE-SW, con la convessità rivolta a SE, ed è separata dalle vicine isole di Nuova Irlanda a NE e di Umboi a SW rispettivamente tramite il canale di San Giorgio e lo stretto di Dampier. Prevalentemente vulcanica, specie nei settori centrale (penisola di Willaumez) e nordorientale (penisola della Gazzella), culmina a 2438 m nel monte Sinewit. Risorse economiche sono l'agricoltura (palme da cocco, cacao, palme da olio), la pesca e lo sfruttamento della foresta pluviale, che ammanta gran parte dell'isola. Per quanto riguarda l'agricoltura, si sta tentando di renderla più produttiva passando da prodotti di sussistenza a prodotti di piantagione (palma da cocco, cacao, palma da olio). Centri principali sono Rabaul, attraverso il cui porto sono avviate le esportazioni dei prodotti delle piantagioni e Kokopo. L'isola è amministrativamente divisa nelle due province di West New Britain (capoluogo Kimbe) e East New Britain (capoluogo Rabaul). In inglese, New Britain.

Arte

L'espressione artistica di maggiore rilievo è costituita dalle grandi maschere dei Baining e dei Sulka, connesse alle società segrete maschili. Realizzate in corteccia, sostenute da strutture lignee, decorate pittoricamente, le maschere potevano raggiungere i 40 m di altezza e in tal caso dovevano essere portate da più persone. Notevole la decorazione degli scudi da guerra con temi antropomorfi e di quelli da danza con prevalenza di motivi curvilinei.

Media


Non sono presenti media correlati