Questo sito contribuisce alla audience di

Obelèrio, Antenòreo

doge di Venezia dall'804 all'809. Eletto da un gruppo di esuli francofili, capeggiati da Fortunato, patriarca di Grado, si associò alla carica il fratello Beato e più tardi anche il fratello Valentino. Il loro governo fu tormentato dalle contese tra l'Impero bizantino (nell'807 Beato si recò o fu condotto come ostaggio a Costantinopoli per rendere omaggio all'imperatore) e l'Impero franco per il predominio sull'alto Adriatico. Nell'806 ebbero la meglio i Bizantini che, inviando una flotta, imposero il rispetto della loro sovranità; qualche anno più tardi fu Pipino, figlio di Carlo Magno, ad assalire Malamocco. I Veneziani si rifugiarono a Rialto, che divenne la sede ducale. L'eroismo dei cittadini riuscì a contenere le forze franche, ma Obelerio e i fratelli persero il potere.

Media


Non sono presenti media correlati