Questo sito contribuisce alla audience di

Obizzi, Pio Enèa II, marchése degli-

uomo di teatro e condottiero (Padova 1592-Battaglia, Padova, 1674). Ebbe importanti incarichi diplomatici dai Gonzaga e dagli Estensi, ma non trascurò la sua passione per il teatro. Fu instancabile organizzatore di spettacoli di pieno splendore barocco e autore di lavori teatrali in versi, in cui si avverte la ricerca di forme letterarie forbite (Ermiona, 1636, in collaborazione con l'abate Tosti; L'Amor riformato, 1671; Il ratto di Proserpina). Pubblicò inoltre una raccolta di poesie (Il Filoteuco, 1630) nelle quali trasse spunti dalla mitologia e dai testi classici.

Media


Non sono presenti media correlati