Questo sito contribuisce alla audience di

Occhétto, Achille

uomo politico italiano (Torino 1936). Militante del PCI., divenne nel 1962 segretario della Federazione giovanile comunista (FGCI) e dal 1969 al 1976 passò a dirigere il PCI in Sicilia. Deputato dal 1976, è stato responsabile centrale della Sezione per i problemi della scuola. Nominato vicesegretario del partito nel 1987, l'anno successivo veniva eletto segretario generale in seguito al ritiro di A. Natta. In tale veste Occhetto mostrava la volontà di avviare un profondo processo di revisione del PCI che, pur incontrando numerose resistenze manifestatesi nei congressi del 1989 e 1990, si è concluso agli inizi del 1991 (XX Congresso) con la decisione di mutare il simbolo e il nome dell'organizzazione in Partito Democratico della Sinistra (PDS). In questo ruolo proseguiva nell'opera di adeguamento del partito alla dinamica politica italiana, investita da un processo di generale ricollocazione delle forze in campo. Nelle elezioni del 1994, però, la coalizione delle forze progressiste da lui guidata perse il confronto con il Polo di destra, sconfitta che fu accentuata dai cattivi risultati nello stesso anno alle elezioni europee. La leadership di Occhetto venne così contestata all'interno del PDS ed egli si dimetteva da segretario. Rimaneva, comunque, punto di riferimento di una parte di dirigenti e militanti del partito, spesso in aperto contrasto con la linea politica portata avanti dal nuovo leader, Massimo D'Alema. In particolare Occhetto indicava nella costruzione di una nuova forza organizzata, basata sull'esperienza dell'Ulivo, l'alleanza elettorale di centro-sinistra vittoriosa nel 1996, l'unica possibilità di un reale rinnovamento della politica italiana. Veniva successivamente eletto senatore nelle elezioni legislative del 2001 e abbandonava i DS per passare al Gruppo Misto. Alle elezioni europee del 2004 si è presentato con la lista Di Pietro-Occhetto-Società civile, insieme a Di Pietro, ma nel 2006 ha perso il seggio, assegnato all'Italia dei valori di Di Pietro. Sulla sua esperienza politica, nel 1994 ha pubblicato il volume Il sentimento e la ragione e nel 2000 l'autobiografia Secondo me. Nel 2006 ha pubblicato Potere e contropotere.

Media


Non sono presenti media correlati